Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Animali fantastici e The Batman

Di Alberto Celani, CPPS

Cinema

Animali fantastici – I segreti di Silente

di D. Yates, con E. Redmayne, J. Law, M. Mikkelsen.

Silente ha dei segreti, talmente segreti che sono detti tutti nella prima scena del film, restano quindi dal titolo gli “animali fantastici” che però sono pochissimi e a quanto pare servono solo a fare gli exit-pool delle elezioni del mondo magico. Non ci siamo, i protagonisti della saga semplicemente non ci sono (Tina) o diventano personaggi secondari (Newt), tutto per seguire il filone gossipparo di “quello che non sapevamo ma in realtà sapevamo” della saga di Harry Potter. Film a tratti godibile, ma comunque noioso, di sicuro fuori fuoco.

Dicevano che questo sarebbe stato migliore del secondo.
Sì vero… ma non abbastanza! Non c’è più Johnny Depp, ma credo che sia la cosa meno importante di tutte. Mikkelsen è un grande attore (fa solo ridere che un personaggio cambi faccia per tutti e tre i film). Il primo Animali fantastici e dove trovarli secondo me era un gran bel film, come li definisco io “una storia di buoni sentimenti”: stesso mondo ma nuovi personaggi, nuovi obiettivi nella vita (gli animali e non la scuola di magia) e quel velato legame alla saga di Harry Potter senza strafare. Ma poi no! Chissenefrega più degli animali, dei personaggi creati con tanto amore, con tanto di colonne sonore personalizzate tenerissime… no! Concentriamo tutto su Silente perché Silente è Silente, ed ecco che una bella saga diventa una brutta saga prequel.
Ultimo passaggio che intendo sottolineare: certo che nel tempo le persone cambiano, ma una certa coerenza resta, sono sempre loro. Beh Silente no, da giovane è uno spavaldo che non teme a manifestare a tutti i suoi sentimenti, solo da vecchio diventa così misterioso, pacato, ponderato… non mi convince affatto.
Ah, per la cronaca, il film è girato bene, belle scene di azione, ma non basta. Delusione!

Voto CinemaScopio: 6-

Cinema

The Batman

Regia di M. Reeves con R. Pattinson, Z. Kravitz, P. Dano.

Un nuovo film sull’uomo-pipistrello, ma stavolta partiamo da un Batman giovane, che già da due anni fa il suo lavoro. Non è uno sprovveduto, dunque, ma non è neanche ancora lui per come lo conosciamo. Questo ci disorienta, Bruce Wayne non è così comodo nella “maschera” del milionario filantropo, ma è proprio perché siamo ancora nella crisalide di quel che sarà un giorno. Che dire, bella idea! Mi piace molto questa prospettiva così inedita! Qui Batman non tira solo calci e pugni (lo fa lo fa), ma si mette anche ad investigare (come nella serie animata e nei fumetti). Ecco la storia di un uomo tormentato che deve ancora decidere che eroe vuole essere, perché l’odio alla corruzione, di per sé, può essere la genesi anche dei famosi “cattivi”!

Credo proprio che Batman sia un personaggio così ben fatto che possono fare 1876 film e non stancare mai. Parliamo della regia e della fotografia: una Gotham City così sudicia non l’avevamo mai vista, la vedi e ne senti già tutto il lercio sia di pulizia che di marciume umano. Colonna sonora epica di Michael Giacchino che riesce nell’impresa di creare una novità dopo che tanti autori (tra cui Hans Zimmer) avevano già scritto la storia. Paul Dano con questo cattivo così vicino, così “scusabile” da essere ancora più terrificante, infatti è proprio quando capisci le intenzioni dell’antagonista che ti rendi conto che può andare fino in fondo.
Ma la cosa che più mi ha colpito è nettamente la scelta di Batman, non la ritenevo necessaria, ma quando arriva è davvero forte e colpisce i cuori: ora sì che abbiamo Batman come lo conosciamo.
Sì sì molto lungo, sì sì molto oscuro, sì sì niente di così nuovo sotto al sole, eppure funziona tutto. Da vedere!

Voto CinemaScopio: 8

Condividi          

Editoriale

Password

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

Nel segno del sangue

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione