Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

David Maria Turoldo – pt2

Di Pierino Montini

Padre Turoldo? Sì, ancora padre Turoldo, il padre servita del quale abbiamo riferito nel numero precedente della rivista. Ora parliamo di lui a partire dalla soglia della casa di Dio, il cui architrave-frontone, come anticipato precedentemente, «È la croce l’unica bandiera di pace tra cielo e terra, con le braccia sempre allargate ad implorare» l’amore e a concedere il perdono.
Il territorio spirituale, entro il quale può essere rilevato solo in parte il messaggio di Turoldo, ha inizio da tutto ciò che egli intende con le parole con le quali intitola la sua prima raccolta poetica, Io non ho mani (1948), e si espande verso un percorso che sa e si nutre di Il sapore del pane (2002): un frazionamento del pane eucaristico. Il suo poetare è caratterizzato da uno stare in un contesto ben preciso, identificabile con il titolo di un’altra sua breve raccolta: Poesie sul sagrato (Ed. Interlinea). Il sagrato è il luogo di raccolta per incamminarsi verso il Regno.
In tale contesto è difficile riassumere in poche righe il suo messaggio-predicazione a motivo della molteplicità delle sue opere, della varietà delle circostanze e della loro forma espressiva. E, soprattutto, perché egli dimostrava una singolarità del tutto caustica e profetica, nel senso del detto evangelico “io porto la guerra dove c’è la guerra”, nei confronti di ciò verso cui c’era da testimoniare la Parola.
Era capace di abbandoni struggenti. Aveva la tempra del combattente, alla quale fa riferimento San Paolo. Era in sintonia con le sante personalità di don Milani, don Mazzolari, Dossetti, Balducci. Aveva manifestato il suo spirito battagliero già da giovane prete a Milano, aderendo alla Resistenza. La Pira, sindaco di Firenze, lo invitò a Firenze per fare quella che egli chiamava “la con-fusione evangelica”.
G. Ravasi scrive: «Per p. Turoldo… fede e vita, preghiera e società, culto ed esistenza, tempo e piazza s’incontrano e convivono». Egli stesso diceva di sé e della sua poesia: «…è un atto religioso: prego canto, canto per tutti». Il critico C.
Bo, suo intimo amico, sintetizza il suo percorso spirituale così: «Non sono mai riuscito a scegliere quella che si sarebbe potuta definire la qualità più alta: uomo di fede, poeta e curatore di anime: tre motivi che si fondono insieme e che rendono impareggiabile la figura di quest’uomo, che ha cercato con tutte le sue forze di rendere la dignità all’uomo del suo secolo». Ed in uno studio critico sottolinea: «Dio gli diede due doni: la fede e la poesia e lo costrinse per tutta la vita a cantare la fede».
Tutte le sue opere sono profondamente segnate dal passaggio doloroso, personale e cosmico, oltre quell’architrave-frontone imbevuto del Sangue di Gesù. I titoli delle sue opere sono indicativi a proposito. Ci riferiemo a quelli pubblicati dalle Edizioni san Paolo: Il sapore del pane (P), Il diavolo sul pinnacolo, Anche Dio è infelice, L’amore canta il silenzio, Diario dell’anima, Cammino verso la fede, Dialogo tra cielo e terra, La parola di Gesù, I Salmi.
E, soprattutto, Opere e giorni del Signore (O), testo dal quale riproduciamo una poesia composta in occasione della ricorrenza liturgica di Maria SS. Addolorata. È un componimento poetico che ci aiuta a comprendere meglio, proprio in questi mesi estivi, l’amore che San Gaspare nutriva per Colei che amava chiamare Madonna del calice.

Condividi          

Editoriale

Password

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

Nel segno del sangue

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione