Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Lo stato pontificio nel 1848

di Pietro Battista

Pio IX e don Giovanni Merlini: la profezia

Il 14 marzo 1848, a seguito dei moti rivoluzionari che avevano investito tutta l’Europa, Pio IX seguendo l’esempio del sovrano delle Due Sicilie, concesse la Costituzione (Statuto Fondamentale per il Governo Temporale degli Stati della Chiesa) che istituiva due Camere legislative e apriva le istituzioni ai laici. Alla fine dello stesso mese, giunsero al Pontefice forti pressioni per seguire l’esempio del Granduca di Toscana e del Re di Napoli, che avevano inviato le proprie truppe al fronte contro l’Austria. Pio IX, contrario a ogni azione bellica, costituì un esercito di volontari e lo inviò al nord con la sola missione di proteggere i confini dello Stato Pontificio. Di fatto i generali guidarono le truppe al di là dei confini facendo trovare lo Stato della Chiesa coinvolto in una guerra contro la cattolicissima Austria che minacciò di fare lo scisma. Il 17 aprile si riunì una commissione di cardinali. Questi, esaminata la grave situazione, convinsero il Papa a ritirare il proprio esercito. Il 29 aprile 1848, il Papa dichiarò che non poteva mettersi in guerra contro un regno cattolico: «Fedeli agli obblighi del nostro supremo apostolato, Noi abbracciamo tutti i Paesi, tutte le genti e Nazioni in un istintivo sentimento di paterno affetto». I liberali, giudicando tale dichiarazione come un tradimento, iniziarono una campagna diffamatoria contro il Pontefice che per ristabilire l’ordine tra tanto caos, pose a capo del governo Pellegrino Rossi. Questi, il 15 novembre 1848, fu ucciso nel palazzo della Cancelleria. La situazione si fece estremamente drammatica. I rivoluzionari pretesero di dettare le condizioni per la formazione di un nuovo governo. Pio IX si rifiutò di scendere a patti con essi. Non volle neanche compiere alcuna azione repressiva per timore di scatenare una guerra civile. Decise, allora di realizzare un progetto architettato dal Card. Giacomo Antonelli: allontanarsi segretamente da Roma. Il 24 novembre 1848, vestito da semplice sacerdote, partì per Gaeta, territorio del Regno delle Due Sicilie. Vi giunse il giorno seguente. La fuga del Papa lasciò sconcertati i Romani. Quasi tutti i superiori degli Istituti Religiosi, per solidarietà con il Papa andarono fuori dello Stato Pontificio. Dopo qualche esitazione, anche don Giovanni Merlini si allontanò da Roma e, insieme a don Beniamino Romani e Raffaele Marini, raggiunse la comunità di Sonnino. Da Sonnino a Gaeta la distanza non era molta. Don Giovanni sentì il bisogno di esprimere la solidarietà al Pontefice ma anche al suo grande amico divenuto, da sacerdote, missionario ausiliare del Preziosissimo Sangue. Alcuni giorni dopo don Giovanni e don Beniamino Romani partirono da Sonnino e attraverso viottoli di montagna, raggiunsero Fondi e poi Gaeta. Qui furono ricevuti con tanta affabilità dall’amico Pio IX. Parlarono a lungo della situazione politica molto confusa. Il Papa confidò loro di sentire un forte disagio per la lontananza da Roma. Poi, conoscendo le doti di grande saggezza dell’amico, gli chiese: «Don Giovanni, quando potrò tornare a Roma?». «Santità» − rispose − «estenda la Festa del Preziosissimo Sangue alla Chiesa universale e prima che si celebri la prima volta potrà tornare a Roma». Il Papa promise di pensarci su.

Condividi          

Editoriale

Password

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

NSDS Maggio Giugno 2024

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione