Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Popolo Pluricomposito

Di Luciano Bugnola, CPPS

«Si raccolgono in un solo gregge le porpore dei re e i panni dei poveri. Cristo è l’unico Regno e l’unico Sangue sparso per tutti, per i sommi e per gli infimi».

C’è posto per tutti nel Regno di Dio, tutti sono invitati anche se, ahimè, alcuni non accettano l’invito, hanno altro da fare.
Gesù ce ne parla nella parabola degli invitati scortesi. Ma il Signore non molla e invia di nuovo a cercare per le strade e lungo le siepi a raccogliere poveri, storpi, ciechi… «perché la mia casa si riempia» (Lc 14).
Commovente è questa preoccupazione di Gesù che non tollera di essere felice da solo o con pochi nella gran casa di Dio. E poco prima di morire Gesù pregò così: «Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io», come ci testimonia il capitolo 17° del Vangelo di Giovanni. La sua richiesta così perentoria, “voglio”, è stata esaudita e la Bibbia gronda immagini che raccomandano questo stare insieme e con Cristo. Vediamone alcune. L’arca di Noè (che allude alla Chiesa), in cui vi sono imbarcati animali puri e impuri: sono i santi e i peccatori presenti nella Chiesa. Altra immagine è il travagliatissimo grembo di Rebecca che ospitava due gemelli che scalciavano da matti fra di loro: sono i futuri Esaù il selvatico e Giacobbe il gran patriarca. Sant’ Agostino ci propone come riflessione: «chiunque è ancora malvagio non pensi che nessuno sia buono: e chi è buono non ritenga che lui solo lo sia».
E così pian piano ci siamo avvicinati all’incantevole capitolo 13° del Vangelo di Matteo dove Gesù ci parla di: – campo, compresenza di grano e zizzania; – aia, dove si ammassa tutto il raccolto, grano e zizzania, e saranno gli ‘angeli mietitori a separare i due; – rete, pesci buoni e di scarto.
Noi siamo nel tempo del campo, bene e male insieme, sotto la benevola pazienza del Signore. Verrà il tempo dell’aia, ma non saremo noi a decidere chi sì e chi no. Noi, spesso così sbrigativi e insofferenti, non possiamo buttar via tutto prima della vagliatura, come anche non possiamo abbandonare l’aia per intolleranza verso i peccatori.
Fieri dei nostri santi? È giusto, ma col rimpianto di non esserlo anche noi. Ancora. Una preghiera a Gesù, composta da Sant’ Ambrogio.

Signore Gesù,
manda i tuoi servi ai crocicchi delle strade,
raccogli buoni e cattivi
e falli entrare nella tua dimora.
Comanda che essa sia strapiena,
introduci tutti nella tua casa:
tu renderai degno
chi inviterai e ti avrà seguito.

Condividi          

Editoriale

Password

Svolta

Svolta

Nella vita di ciascuno di noi…

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

Nel Segno del Sangue Marzo-Aprile 2022

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione