Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Sant’Agostino – Impronta di Dio

di Enzo Napoli

Nel corso della storia, numerosi filosofi e teologi hanno cercato di affrontare il tema della dignità della vita umana, tuttavia, uno dei più significativi contributi a questo dibattito è stato offerto da sant’Agostino. Nella sua opera La città di Dio Agostino fornisce una profonda riflessione in merito. Ci sono due città. La città terrena rappresenta la società umana caratterizzata dall’egoismo, dall’amore per il potere e dalla ricerca di piaceri effimeri, mentre la città di Dio rappresenta la comunità degli eletti che cercano di vivere secondo la volontà divina. All’interno dell’opera egli affronta la questione sul valore della vita umana opponendosi alle idee pagane dell’epoca, spesso influenzate da una visione negativa della materia e della mortalità. Agostino scrive: «La vita è così preziosa perché è un dono di Dio, che ci chiama a condividere con Lui la sua stessa vita eterna».
Egli riconosce che ogni essere umano possiede una dignità intrinseca, perché siamo fatti «a immagine e somiglianza di Dio» e quindi la vita umana possiede un’intrinseca sacralità in quanto siamo dotati di un’anima immortale. Egli afferma: «L’uomo è dotato di libero arbitrio e di ragione in modo che, con la sua stessa esistenza, manifesti la gloria di Dio». Criticando la schiavitù e sostenendo che i prigionieri di guerra devono essere trattati con umanità, Agostino rifiuta l’idea che il valore di una persona sia determinato dal suo status sociale o materiale ma rimanda sempre alla relazione intima che c’è in forza della creazione tra Dio e l’uomo. La sacralità della vita implica di conseguenza il divieto di uccidere. Così scrive: «L’omicidio è il più grave dei peccati perché distrugge non solo la vita dell’individuo, ma viola il piano divino per l’umanità». Oltre all’omicidio, anche il suicidio è considerato un peccato da Agostino: «Chi si toglie la vita si rifiuta di continuare a vivere la propria storia, di cercare il significato e la redenzione che Dio ha posto in essa». Agostino sostiene che gli esseri umani devono perseguire l’amore e la giustizia verso gli altri, perché ogni vita è un’impronta di Dio. Sant’Agostino ci invita a riflettere: «Dobbiamo amare gli altri come immagini di Dio e trattarli con rispetto, poiché la loro vita è intrinsecamente sacra». Ogni azione che preserva, protegge e promuove la vita umana è un atto di onore verso Dio.

Condividi          

Editoriale

Password

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

NSDS Maggio Giugno 2024

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione