Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

«Vediamo cosa potrà fare» 

da Redazione

La descrizione del miracolo attribuito all’intercessione del Venerabile Servo di Dio Giovanni Merlini

Era il 12 gennaio 2015, ricorrenza della nascita al cielo di don Giovanni Merlini. Nella chiesa di Sant’Anna a Benevento il viceparroco don Matteo Merla alla fine della messa disse che, se qualcuno fosse stato a conoscenza di una situazione di malattia grave, sarebbe stato possibile chiedere l’immaginetta con la reliquia. Finita la messa una ragazza, Maria Daniela, chiese l’immaginetta, specificando che lo zio, Ciriaco, era in fin di vita ed era stato trasportato dall’ospedale di Benevento al Cardarelli di Napoli. La diagnosi era questa: «ematoma retroperitoneale, angiectasie sanguinanti, compromissione cardiaca, creatinina altissima con insufficienza renale», per cui il paziente era considerato in fin di vita con prognosi a soluzione funesta a breve termine.  

Quando l’immagine del Merlini fu portata nella stanza del moribondo, la famiglia del malato si aspettava di aver ricevuto il santino di San Gaspare. «Vediamo cosa potrà fare», dissero alcuni familiari sconfortati. La moglie del paziente, Maria Rosaria, così descrive il miracolo: «Quando sentii da mia nipote che era stata dai Missionari del Preziosissimo Sangue, pensai: “mio marito perde sangue e questi sono Missionari del Sangue di Gesù…”. Io misi l’immaginetta (del Venerabile Merlini) sotto il guanciale di mio marito che alternava momenti di lucidità a momenti di incoscienza, il suo colorito era viola, aveva dolore fortissimo alla gamba e per tutto il corpo, le sue urine erano rare e scurissime. Dopo aver messo l’immaginetta sotto il guanciale di mio marito rimasi con lui e, dopo poche ore, vidi che le urine si schiarirono. Non parlai con nessuno, temevo che mi prendessero per pazza. Poi al mattino seguente i dottori, stupiti, comunicarono che il valore dell’emoglobina era aumentato e quello della creatinina era diminuito notevolmente» 

Il figlio aggiunge: «Fu tutto molto veloce, il cambio repentino del quadro clinico di mio padre si ebbe nell’arco di alcune ore. Quando mia mamma mise l’immaginetta sotto il cuscino di mio padre si verificò subito un rapporto di causa ed effetto». Così il 16 luglio 2019 si è chiuso il processo della diocesi di Napoli e il 22 settembre 2022 la Consulta dei Periti medici designati dalla Sede Apostolica (sette medici, credenti e non) ha espresso il giudizio positivo sulla guarigione miracolosa. Da qui i passaggi successivi che hanno portato alla beatificazione. Don Giovanni sarà proclamato beato! 

Condividi          

Editoriale

Password

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

NSDS Maggio Giugno 2024

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione