Primavera Missionaria News. Dal 1953 la voce di San Gaspare nel mondo

Verso la croce, ed oltre…

Di Nicola Antonio Perone

Verso la croce ed oltre

«Mi dice che ha mandato via quelle che non vedeva adattate, e la fortezza usata. Sta bene. E questo solo ho voluto ricordare a lei ed alle altre come cosa da badarci oggi un poco più, data la moltitudine delle richieste; e l’averlo ricordato è stata cosa buona, non è vero? Ma non porta la conseguenza che non mi fido.
Ridiamo un poco a gloria di Dio oggi che è un giorno di trionfo e di gloria per il nostro Gesù, dopo tante umiliazioni e pene risorto. Coraggio e buona Pasqua a lei. Non so se nei dettagli che le faccio per levargli la tentazione e per spiegarmi, le giovino o gli faccino peggio […].
Quando Iddio non la vuol più a regger l’opera se la prenderà in Paradiso, dove sta preparato il posto e che si va mobiliando con i travagli le umiliazioni dispiaceri ecc. ed oh quanto vien bene! Ringrazi Iddio che fa solo cose mirabili»
(Cfr. G. Merlini, Lettere a Maria de Mattias, vol. I, n. 85, p. 173-4)

In questa lettera scritta in occasione del sabato santo del 1856, precisamente il 22 marzo, don Giovanni coglie l’occasione degli auguri pasquali per riaccendere in Maria la gioia e la speranza della Resurrezione in un periodo non semplice del suo ministero.
Assistiamo infatti ad un episodio molto delicato per la vita di qualsiasi superiore di una comunità, e cioè l’allontanamento di alcuni aspiranti membri reputati poco idonei alla vita di consacrazione dell’Istituto. Maria infatti dovette mandar via dalla casa di formazione molte novizie, prendendo spesso posizione in modo forte dinanzi all’opposizione di alcune consorelle le quali non condividevano le sue decisioni. Mentre infatti oggi si parla di crisi, calo, se non addirittura assenza di vocazioni, le parole del Merlini ci mostrano invece un gran numero di ragazze che all’epoca desideravano aderire al nuovo ordine religioso fondato dalla de Mattias, spesso però spinte troppo da evanescenti entusiasmi che da un radicato desiderio di sequela Christi.
Dinanzi dunque allo scoraggiamento di Maria e al senso di solitudine e di incomprensione dovuto a quello che le appariva come un grande fallimento, Giovanni Merlini la invita invece a farsi coraggio contemplando il trionfo e la gloria del Cristo Risorto. È infatti solo la luce della Resurrezione che può redimere e dar senso a tutto ciò che agli occhi del mondo appare incomprensibile e demoralizzante, annebbiando anche ai nostri occhi spesso offuscati dal troppo dolore e dalla solitudine.
Interessante è inoltre la preoccupazione di don Giovanni, il quale teme che i suoi suggerimenti possano essere travisati e non recare aiuto a Maria. Lei infatti potrebbe fraintendere le parole del suo direttore spirituale, sentendosi incompresa anche da lui il quale sembra minimizzare o non capire il peso delle sue preoccupazioni. Il Merlini invece è ben cosciente delle gravose responsabilità che pesano sulle spalle della De Mattias e il suo invito a guardare oltre la croce, sino alla gioia della Resurrezione, non è uno sminuire o non voler dare il giusto peso alle sue problematiche.
I travagli, le umiliazioni e i dispiaceri della santa restano tali, non vengono addolciti o taciuti da don Giovanni. Il ricordo della Pasqua, e dunque della vita da figli risorti che attende tutti noi in paradiso, non è certamente un rimedio palliativo e superficiale atto a cancellare il vociare delle consorelle, le loro opposizioni e il senso di abbandono provato da Maria.
La luce pasquale viene piuttosto a ribaltare il punto di vista, nostro e della santa, divenendo il collirio che il Cristo apocalittico offre alla Chiesa di Laodicea per poterlo vedere ed incontrare anche laddove sembra essere assente, anche lassù sulla croce. Don Giovanni dunque incoraggia Maria, ed anche noi oggi, a ritornare a Dio con tutto il cuore, approfittando degli ultimi giorni quaresimali per consegnare a lui ogni affanno, sofferenza e preoccupazione, certi che sarà proprio a partire da questi che il Signore farà cose mirabili nella nostra vita, edificando con il duro legno delle croci odierne il nostro seggio regale sul quale siederemo da risorti nel regno dei figli di Dio.

Condividi          

Editoriale

Password

Memoria

Memoria

Quella di cellulari, computer….

Colloqui con il padre

Altri in evidenza

Altri in evidenza

NSDS Marzo-Aprile 2023

Ultimo numero

Nel Segno del Sangue

La nostra voce forte, chiara e decisa sulla società, sul mondo, sull’attualità, sulla cultura e soprattutto sulla nostra missione e vita spirituale come contributo prezioso alla rinascita e allo sviluppo della stessa Chiesa.

Abbonati alle nostre riviste

Compila il modulo on-line con i tuoi dati e riceverai periodicamente il numero della rivista a cui hai deciso di abbonarti.

Le nostre riviste

Primavera Missionaria: il bollettino di S. Gaspare
Nel Segno del Sangue: il magazine di attualità dell’USC
Il Sangue della Redenzione: la prestigiosa rivista scientifica.

Copertina Primavera Misionaria
Copertina Nel Segno del Sangue
Copertina Il Sangue della Redenzione